Fr. Alberto oblato per sempre, Fr. Excel e Fr. Raymond accoliti

Domenica 26 febbraio 2017 al Santuario della Moretta ad Alba un momento di Dio

Si è presentato fr. Alberto, sorridente e con l’entusiasmo di chi ha trovato la propria strada; ha pronunciato, infatti, i voti perpetui entrando a far parte della Congregazione degli Oblati di San Giuseppe per tutta la vita. Ventotto anni, originario di Novi Ligure, è arrivato ad Alba lo scorso luglio per svolgere il suo “tirocinio”, occupandosi delle attività dei giovani e dirigendo il Centro vocazionale. 

Image may contain: 3 people, sunglasses and closeup

 Domenica 26 Febbraio era una giornata serena, fin dal mattino piena del sole mite e abbastanza splendente dell’inverno. Da Alba si vedevano come in trasparenza le montagne. Alle 11,15 nella Parrocchia-Santuario della Madonna della Moretta ha avuto inizio la concelebrazione eucaristica presieduta da P. Michele Piscopo superiore generale degli Oblati di San Giuseppe con una ventina di sacerdoti concelebranti, accanto a lui, all’altare, p. Lino Mela, parroco del santuario oltreché superiore generale emerito degli Oblati di S. Giuseppe, e p. Luigi Testa, provinciale della Provincia S. Giuseppe Marello degli Oblati di S. Giuseppe. Il santuario era pieno, con i 150 giovani che avevano partecipato alla tre giorni di formazione per animatori dei centri giovanili, vicino ad Alba, ad Altavilla, sul tema “Straordinari… ORA!”, organizzata dalla Pastorale giovanile della provincia S. Giuseppe Marello. I numerosi giovani provenivano da Roma, Sesto Fiorentino, Alba, Imperia, Milano, Novi Ligure, Canelli, Asti. Un pullman era venuto dalla parrocchia di S. Antonio di Novi Ligure, la parrocchia di fr. Alberto Ravera, a Novi. Erano presenti i seminaristi oblati del seminario interprovinciale di Roma che hanno servito durante la concelebrazione insieme ai chierichetti di Alba; due cori di giovani, di Roma e di Alba hanno suonato e cantato; numerosi anche i fedeli della parrocchia.

Padre Michele Piscopo ha svolto un’omelia molto vivace, a partire dal commento delle letture della VIII domenica del tempo ordinario, per stabilire un dialogo con i fedeli, rivolgendosi ai giovani presenti, a fr. Alberto che da lì a poco avrebbe fatto la professione perpetua dei voti come Oblato di S. Giuseppe e, anche ai suoi genitori Gabriele e Alessandra, così come a fr. Excel Millameta Nietes e fr. Raymond Ladao Escoton che stavano per ricevere il ministero dell’Accolitato. Successivamente p. Piscopo ha consegnato, nel rito liturgico, a fr. Excel e fr. Raymond la patena con il pane e il calice con il vino da consacrare, dicendo: «Ricevi il vassoio con il pane - il calice con il vino - per la celebrazione dell'eucaristia, e la tua vita sia degna del servizio alla mensa del Signore e della Chiesa». Dopodiché si è presentato fr. Alberto, sorridente e con l’entusiasmo di chi ha trovato la propria strada; ha pronunciato, infatti, i voti perpetui entrando a far parte della Congregazione degli Oblati di San Giuseppe per tutta la vita. Ventotto anni, originario di Novi Ligure, è arrivato ad Alba lo scorso luglio per svolgere il suo “tirocinio”, occupandosi delle attività dei giovani e dirigendo il Centro vocazionale. Commoventi le parole di ringraziamento da lui pronunciate al termine della concelebrazione eucaristica, ringraziando il Signore per il dono della vita e della vita consacrata e, tra gli Oblati, per lo spirito di famiglia che caratterizza le comunità, ha ricordato l’importanza dell’incontro vero con le tante persone di questi anni, così ha ricordato uno a uno i formatori, i confratelli della provincia San Giuseppe Marello, i confratelli del seminario, la comunità di Alba, i ministranti, la sua famiglia presente, tutti i giovani: “che ognuno possa sperimentare la bellezza del dono, dell’incontro con Cristo e del servizio agli altri… la vera felicità … è Cristo! Ora tocca a voi!!”..