SPIRITO E VITA:Lettera dopo la visita alla Missione del Mozambico

Cari confratelli,

            Dal 20 settembre al 5 ottobre ho svolto la Visita Canonica ai confratelli della Missione del Mozambico. L´accoglienza fraterna e cordiale e la serenità nei dialoghi e nelle valutazioni comunitarie hanno caratterizzato quei giorni. Ringrazio Dio per la vita religiosa dei confratelli e per l’apostolato che svolgono in questa difficile Missione. Condivido con voi le cose più importanti, perché possiate conoscere meglio questa realtà della nostra Congregazione.

Leggi tutto...

Dichiarata Santa il 16 ottobre 2016 ELISABETTA della TRINITA'

"La tua anima è il Suo cielo"

Elisabetta Catez nacque bella vivace intelligente, con un temperamento forte, in una caserma, figlia di un ufficiale dell’esercito francese e di una signora aristocratica, seguita da una sorella. Era il 1880 e la fede cattolica della sua famiglia era intensa e luminosa.

Elisabetta crebbe brillante e colta, amante della musica e appassionata del pianoforte e dell’organo, dei viaggi per la Francia, la Svizzera e l’Italia, del cielo e del mare, dei monti innevati e dei boschi con le fronde al vento. Ma da subito, all’aprirsi della sua mente, sempre più innamorata di Gesù.

Comincia a frequentare il Carmelo di Digione, dove il cielo è sceso sulla terra e una comunità di anime consacrate, guidate da Madre Germana, vivono per Gesù solo. Elisabetta decide: “Sarò carmelitana e subito”. Ma in casa, dopo la morte prematura del papà, c’è un grande vuoto, e la mamma le impone di entrare al carmelo solo a 21 anni.

Leggi tutto...

Presentiamo un LIBRO di Marco Andina

Il matrimonio cristiano e il suo possibile fallimento. La difficile custodia dell'eros nella forma dell'agape, Effatà Ed., Cantalupa (TO) 2016, pp. 1-96.

Le due parti del libro, sono, rispettivamente, Il matrimonio cristiano nell’unità dinamica di eros e agape (pp. 3-29), e I matrimoni falliti (pp. 31-92). Nella prima parte è illustrato il senso dell’amore tra l’uomo e la donna e la loro fondamentale responsabilità nel custodire e far crescere l’eros nella forma dell’agape. Nella seconda parte l’A. esamina la disciplina, che era in vigore fino all’Amoris laetitia,  disciplina che non poteva essere considerata soddisfacente perché rendeva nei fatti quasi impossibile la piena riconciliazione con la Chiesa di coloro che, magari con responsabilità molto diversificate, avevano comunque distrutto il loro primo matrimonio. 

Leggi tutto...

La misericordia nell'arte: il celebre quadro di Rembrandt

Le mani del Padre

Il centro figurativo del quadro sembrano essere le mani del padre che si posano con dolcezza sulle spalle del figlio appena tornato. Tutti i commentatori hanno evidenziato l’origina­lità e l’apparente errore anatomico di questo particolare, che fanno di queste due mani «proba­bilmente il più stupefacente tratto di tutta la pittura occidentale. 

Le mani che lo tengono stretto non sono uguali. Esse rappresentano tutto quello che si può dire dell’esistenza umana e nello stesso tempo scandagliano la più vertiginosa profondità della verità di Dio. Esse si posano sulle spalle del figlio come il giogo leggero che Gesù definisce suo» (M. Lawler, Show us the Father, 22).

Leggi tutto...